Homepage

La scalata ad Antonveneta e i furbetti del quartierino

Il più grande scandalo finanziario degli ultimi 50 anni della storia d’Italia.

Leggi il libro


formato EPUB

formato PDF   

 

I furbetti del quartierino

Fiorani “accompagnato” dai carabinieri

I furbetti del quartierino

Nel Settembre del 2005 si chiuse una delle vicende più squallide della storia del nostro Paese. Si è combattuto sul mercato, nelle aule di tribunale, negli uffici delle procure, della Consob e di Bankitalia. Siamo stati spettatori forse del più grande scandalo finanziario degli ultimi 50 anni della storia d’Italia. Per alcuni personaggi la vicenda si trascinerà ancora per qualche anno nelle aule dei tribunali e nelle prigioni di Stato e per Antonvebeta la saga continuerà con la vendita al Santander e infine al Monte Paschi. Ma questa è un’altra storia. Perestroika ve le racconterà entrambe, cominciando da qui

La scalata ad Antonveneta e i furbetti del quartierino.
Il più grande scandalo finanziario degli ultimi 50 anni di storia italiana.
Genesi della banca costruita in volo da Silvano Pontello
La maledizione della Banca Nazionale dell’AgricolturaIntroduzione

Capitolo I
Lassù sulle montagne

Capitolo II
Gli olandesi storcono il naso

Capitolo III
La casa di carte comincia a franare

Capitolo IV
La scalata segreta si ferma a Chiasso

Capitolo V
Arriva la Guardia di Finanza

Con le dita nella marmellata

 

Blog

Canali di comunicazione

I democratici americani guardano al Venezuela come al modello a cui ispirarsi. Nel frattempo dovrebbero anche loro trovare un canale segreto di comunicazione. Come testimonierà  Jared Kushner davanti alla “Intelligence Committee” del Senato, i piccioni viaggiatori rappresentano ancora una validissima alternativa.

Isteria di massa

Media e politicanti democratici tentano disperatamente di tenere in piedi il loro castello di sabbia in  quello che è diventato un indiscriminato attacco contro l’amministrazione Trump senza evidenze e prove di un reato ma presentando qualsiasi azione e dichiarazione dell’avversario che li sta distruggendo come un crimine da usare per il suo “impeachment”. Quotidianamente assistiamo …

Tabernacoli

Vivono in un Universo parallelo. Non dicono mai la verità. Benchè siano statue di gesso, qualcuno ha visto lacrime vere sgorgare dai loro occhi.

Chi sono

Chi sono? Un ex-dipendente di una Banca che non esiste più. Se volete maggiori dettagli, leggete questa vecchia intervista.

Mercoledì, 15 Settembre 2004

Perestroika intervista Perestroika

Scusi l’impertinenza, ma chi si nasconde dietro questo pseudonimo?

Nessuno. Perestroika non è lo pseudonimo di nessuno. Perestroika è Perestroika. La voce, troppo spesso zittita o inascoltata del bancario che ne ha viste di tutti i colori ed ha accumulato quel po’ di esperienza sufficiente per vedere in trasparenza attraverso i veli e le cortine con cui il potere cerca sempre di celare i suoi oscuri disegni, che poi non sono mai così tanto oscuri. E credo che nel nostro settore ci sia tanto bisogno di chiarezza, trasparenza, e democrazia per abbattere i santuari del potere che generano continuamente mostri. Perestroika, in una parola.

Va bene, prendo atto che non mi vuole dare le sue generalità, ma nella sua dichiarazione scorgo un bel po’ di megalomania.

Per carità, io cerco di mettere alla berlina il potere con un pizzico di ironia, dicendo delle cose, piccole cose, che altrimenti non potremmo mai dire. Purtroppo di fronte ad un mare di ipocrisia l’unico salvagente è un po’ di ironia, per sorridere ma anche per riflettere e non accettare sempre quello che ci viene propinato. Le rivoluzioni le lascio agli uomini di potere. L’unica vera rivoluzione oggi sarebbe quella di fermarci un attimo e renderci conto verso quale baratro stiamo precipitando.

Parla del settore creditizio o di qualcos’altro?

Parlo della nostra civiltà, della nostra avidità, della violenza, della sopraffazione che c’è nel mondo. E anche nelle nostre banche.

Scusi se rimango sul tema “banche” e restringo i suoi orizzonti. La stampa oggi si esercita a disegnare gli scenari più impensati di un risiko bancario in cui le fantasie dei giornalisti non hanno limiti. E Antonveneta è al centro di ogni futuro scenario. Lei cosa ne pensa?

Sorvoliamo sul fatto che la cura sta uccidendo il paziente. Per i santuari del potere questo è secondario. Quello che è primario è abbattere la febbre (risanare i conti) in maniera che sul mercato l’Azienda produca un adeguato profitto per gli azionisti. Poi, con gli assetti di potere che abbiamo oggi in Italia e l’inefficienza che contraddistingue i soggetti sulla scena, qualsiasi soluzione è destinata a riprodurre su scala maggiore tutta l’inefficienza e la disorganizzazione che ben conosciamo. Credo che i lavoratori di Antonveneta oggi stiano imparando sempre meglio, purtroppo, cosa voglia dire “costruire un aereo in volo”. E tutto questo solo per perpetuare il dominio di quella che una volta veniva definita “la razza padrona” ed è passata indenne per le prime repubbliche, mani pulite, cirio, parmalat e bond argentini. Purtroppo questa è la classe dirigente che ci ritroviamo e non ne vedo una alternativa all’orizzonte. Il resto sono tutte chiacchiere ed esercizi di fantafinanza ai quali siamo relativamente interessati, come il gossip su principesse e regine. Alla fine a rimetterci sono sempre i lavoratori.

Ultimamente si è accanito sui vertici della Banca, rei di rimanere incollati alle loro poltrone, nonostante i raggiunti limiti di età. Ma lei pensa davvero che questi giovani rampanti che dovrebbero sostituirli siano meglio di loro?

Ma lo sa’ che mi ha proprio stufato? La sua intervista è veramente noiosa. Scommetto che qualsiasi lettore di Perestroika dopo aver abbondantemente sbuffato non sia neanche arrivato a metà intervista e sia passato ad un’altra pagina. E poi, scusi, ma lei fa le domande dandosi anche le risposte. Mi faccia una domanda da Perestroika, per cortesia.

Va bene, le faccio una domanda personale, alla quale mi aspetto una risposta “alla Perestroika”: qual’è il più grande rammarico della sua vita?

Che so. Magari non aver sposato la figlia di Enrico Cuccia. Bellissima donna.

Contattami