Malafemmena

Evelyn Farkas, ex top funzionario dell’amministrazione Obama, ha negato di aver avuto accesso a informazioni classificate quando le è stato chiesto dal canale televisivo MSNBC un commento a quanto dichiarato il mese scorso che sembrava ammettere gli sforzi da parte dei membri dell’amministrazione Obama per raccogliere informazioni su Donald Trump e su collaboratori della sua campagna presidenziale 2016. Tuttavia, i mezzi di informazione hanno ampiamente mancato di notare che il 16 febbraio, circa due settimane prima del suo dichiarazioni su MSNBC, Farkas aveva rivelato in un’intervista che lei era “a conoscenza che ci fosse qualcosa di veramente sbagliato”, riferendosi ai presunti legami di alcuni collaboratori di Trump con la Russia, dichiarando di essere “a conoscenza di tutta questa roba” sin dall’estate dello scorso anno.

Il 2 marzo, la Farkas aveva dichiarato a MSNBC di aver detto agli ex colleghi dell’amministrazione Obama di raccogliere informazioni sui collaboratori di Trump e della sua campagna elettorale.

“Stavo sollecitando i miei ex colleghi e, francamente, quelli di Capitol Hill, di ottenere quante più informazioni possibile, quanto più il lavoro di intelligence potesse, prima che il presidente Obama lasciasse l’ amministrazione“, dichiarò la Farkas che continuava così:

Poiché ho avuto paura che in qualche modo le informazione sarebbero scomparse con i dirigenti [di Obama] che avrebbero lasciato i loro incarichi e, quindi, sarebbero rimaste nascoste in qualche scrivania … che la gente di Trump – se avessero scoperto come sapevamo quello che sapevamo circa il loro … il team di Trump che collude con i russi – che avrebbero cercato di compromettere quelle fonti e metodi, il che significa non abbiamo più accesso a tale intelligence.

Dopo le sue dichiarazioni riemerse e successivamente utilizzate dalla Casa Bianca per sostenere l’accusa che Trump era sotto illecita sorveglianza durante la campagna elettorale, la Farkas ha concesso interviste negando di avere informazioni privilegiate quando aveva fatto quei commenti a MSNBC.

Successivamente, la scorsa settimana ha sostenuto di non aveva accesso a qualsiasi intelligence. “Non ho avuto intelligence di sorta, non ero più nel governo e non ho avuto accesso di sorta a informazioni riservate”, ha detto.

Parlando al Washington Post, Farkas ha negato di essere una fonte di eventuali fughe di notizie. La Farkas ha detto che “non ha dato nulla a nessuno, tranne qualche consiglio,” e facendo notare di aver lasciato il governo nel mese di ottobre 2015, ha detto: “Stavo guardando come chiunque altro, come uno spettatore regolare” quando i contatti con la Russia hanno cominciato ad emergere dopo le elezioni.

Tuttavia, il 16 febbraio, Farkas aveva detto a Ezra Klein (Vox.com) che stava “inviando segnali e suggerimenti dall’interno” su presunti legami con la Russia. L’intervista è stata evidenziata anche dal blog Gateway Pundit.

Alla Farkas è stato chiesto da Klein circa il suo “livello di allarme dopo le dimissioni di Michael Flynn,” che ha lasciato nel mese di febbraio, come consigliere per la sicurezza nazionale di Trump.

Per quanto riguarda il suo “livello di allarme,” la Farkas ha risposto:

“E’ inferiore a quello che è stato la scorsa estate, quando sono venuta a conoscenza di tutta questa roba. Sono contenta che, alla fine, tutti gli altri se ne sono accorti! Sul serio. La ragione per cui ero così sconvolta l’estate scorsa era che mi sono state sempre fatte allusioni e date indicazioni dall’interno che ci fosse qualcosa di veramente sbagliato qui. Ero agitata, perché sapevo che la campagna elettorale di Clinton e il mondo non lo sapevano. Ma non pensavo che sarebbe successo così velocemente. Non pensavo che Flynn sarebbe sopravvissuto un anno, ma ho pensato che sarebbe stato la maggior parte dell’anno. Il fatto che Flynn è andato via è costruttivo dal punto di vista della politica estera degli Stati Uniti. Era in errore sulla lotta al terrorismo e la Russia. Così mi sento sollevata dal fatto che Flynn non potrà sussurrare le sue prescrizioni politiche all’orecchio del presidente. Sulla questione più grande, la comunità di intelligence, la burocrazia, gli americani patriottici, e alcuni membri del Congresso stanno rendendo impossibile per la Casa Bianca spazzare via tutto ciò che stanno cercando di nascondere sotto il tappeto. E la Casa Bianca sta chiaramente cercando di nascondere qualcosa, o il presidente avrebbe detto, il primo giorno, che avrebbe sostenuto le indagini che hanno avuto inizio sotto il suo predecessore”.

Ma la Farkas sta diventando davvero incontinente e incontrollabile e i media americani stanno davvero maneggiando un ordigno esplosivo cercando di farle dire quello che vogliono. Farkas, tra l’altro aveva predetto che se Trump avesse vinto la presidenza “sarebbe stato messo sotto accusa abbastanza rapidamente o qualcun altro avrebbe dovuto assumere la direzione del governo.”

Nel corso di una conferenza, la Farkas ha avvertito che occorre fare di più per contrastare le forze del nazionalismo e del populismo che stanno facendo breccia nel pubblico con l’ascesa di Trump e i movimenti nazionalisti in tutta Europa.

Evelyn Farkas attualmente serve come un membro anziano presso il Consiglio Atlantico, che sostiene la linea dura nei confronti della Russia.

Il Consiglio è finanziato dal Rockefeller Brothers Fund, Inc., il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e la NATO ACT. Un altro finanziatore del Consiglio è il Ploughshares Fund, che a sua volta ha ricevuto un finanziamento dal miliardario George Soros Open Society Foundations.

La Farkas fa parte del Consiglio Atlantico al fianco di Dmitri Alperovitch, co-fondatore di CrowdStrike, la società di terze parti utilizzata dall’FBI per fare la sua valutazione sul presunto hackeraggio russo nel Democratic National Committee (DNC). Alperovitch è un nonresident senior fellow del Cyber Statecraft Initiative nel Consiglio Atlantico.

Il mese scorso, il direttore dell’FBI James Comey ha confermato che la sua agenzia non ha mai avuto accesso diretto ai server DNC per confermare l’hacking. “Beh, non abbiamo mai avuto accesso diretto alle macchine stesse”, ha affermato. “Il DNC nella primavera del 2016 ha assunto una ditta che in ultima analisi, ha condiviso con noi le loro revisioni del sistema.”

Direttore della National Security Agency Michael Rogers ha anche affermato che la NSA non ha mai chiesto per l’accesso all’hardware DNC: “La NSA non ha chiesto l’accesso. Non è nelle nostre competenze.”

Come finirà? Difficile prevederlo. La signora Farkas gode di una rete di protezioni. Attraverso queste, non sappiamo come, ha avuto accesso a documenti classificati. Sembra sappia parecchie cose e, insieme a Susan Rice, potrebbe essere una di quelle “gole profonde”, che hanno scientificamente rilasciato a stampa e televisioni il contenuto di notizie top secret riguardanti il team elettorale di Trump e i suoi rapporti con la Russia. Infine, da non dimenticare, che dal 2015 lavora per Hillary Clinton.

Leave a Reply

Your email address will not be published.