Non è che l’inizio, la lotta continua

Donald Trump ha vinto le elezioni, ma la partita è stata truccata e il risultato che vi daranno sarà un altro. Il prossimo presidente degli Stati Uniti d’America sarà una criminale e bugiarda patologica, una nazista in pigiama palazzo che, ricevendo donazioni in cambio di favori politici, ha accumulato milioni di dollari e un immenso potere,  con i quali controlla il presidente uscente, il Dipartimento della giustizia, l’FBI, i media e metà degli elettori  Americani, incapaci di ragionare con la propria testa.

Hillary Hitler Clinton ha messo a repentaglio la sicurezza del Paese e del mondo intero, ha caldeggiato e promosso  la destabilizzazione di Egitto, Siria, Iraq e Libia  quando era Segretario di Stato, causando migliaia di morti e un esodo biblico di milioni di rifugiati dai paesi del medio oriente in Europa. Ha favorito la nascita e la diffusione di ISIS e del terrorismo islamico in più di 30 paesi nel mondo, intrattenendo relazioni pericolose e accettando da Paesi finanziatori dei terroristi, come Saudi Arabia e Qatar, pagamenti per milioni di dollari in cambio di armi, soldi da ripulire e favori attraverso una gigantesca macchina di riciclaggio di denaro sporco, la Fondazione Clinton, destinando neppure il 10 per cento della raccolta a quello che dovrebbe essere lo scopo istituzionale della Fondazione, la carità.

Ora siamo alla resa dei conti. Alla Casa Bianca, occupata da un inetto, per 8  lunghi e distruttivi anni per l’economia e il popolo americano, salirà, ironia della sorte, per la prima volta nella storia, una donna, destinata a distruggere definitivamente e irrimediabilmente la credibilità delle istituzioni e della democrazia americane, E’ la fine dell’Impero. Agli schiavi e gladiatori, guidati da Spartaco,  non rimane che la strada della rivoluzione.

Leave a Reply

Your email address will not be published.